Link Me
Inserisci nel tuo sito un link a NonSoloGuide

Maggiori info e altre immagini
Articoli : Bitcoins: una nuova moneta per pagare su internet
Inviato da Webmaster il 14/07/2011 12:40:00 (2637 letture)

Si chiamano Bitcoins e sono monete elettroniche create da Satoshi Nakamoto nel 2009.
Un nuovo genere di valuta virtuale spendibile per le transazioni online che nell’era di internet richiedono sempre più immediatezza e celerità.

Fonte: PrimaDaNoi.it

Questo il motivo che ha spinto Satoshi Nakamoto a creare i Bitcoins: la valuta che sembra proprio rispondere ai requisiti di immediatezza visto che grazie al sistema peer 2 peer permette agli utenti di scambiarsi direttamente il denaro senza alcuna mediazione bancaria. Ma i Bitcoins non sono altro che il tentativo ben riuscito di una serie di esperimenti in questa direzione. CyberCash, DigiCash, Beenz e Flooz sono i nomi di società che hanno tentato di creare un nuovo tipo di valuta elettronica ma senza successo. Uno degli ultimo tentativi è quello messo a punto dal co-fondatore di Pirate Bay, Peter Sunde che ha lanciato Flattr.com, un sistema di pagamento online.

Ma che cosa ha decretato il successo dei Bitcoins visto che già alcuni enti come la Electronic Frontier Foundation ed il Singularity Institute accettano donazioni in Bitcoin?

Grazie ad un software criptato, il venditore e l’acquirente possono scambiarsi la merce: libri, videogames ed altri beni tangibili in cambio di bitcoins con un trasferimento della valuta elettronica da un pc all’altro. Il tutto senza che ci sia la mediazione di un ente bancario o istituti di credito. Una volta ottenuto l’importo, l’utente può cambiare i Bitcoins in valuta vera euro dollari e pounds.

Tra gli aspetti positivi della nuova valuta, secondo il sito www.weusecoins.com dove è possibile ottenere maggiori informazioni, vengono segnalati la gratuità della valuta e l’assenza di tasse sui bitcoins a causa della mancanza di mediatori bancari.




Ma c’è chi vede la non tracciabilità delle transizioni uno strumento utile per attività illegali. Ed è il caso di Launch.is che ritiene la valuta «un grande illecito». Non sembra infondato il timore di molti visto che alcuni siti sembra utilizzino proprio la moneta elettronica per vendere stupefacenti online.

Ma qual è il futuro dei Bitcoins? Sono destinati a creare una seria alternativa alla valuta corrente o no?

E’ ancora presto per dirlo. Attualmente esistono 6 milioni di BitCoins a 7$ circa l’uno. Questo significa che ci sono già 42 milioni di dollari nel mercato. E, sulla base delle statistiche le cifre sono destinate a crescere in maniera esponenziale qui in google trends. Ma la titubanza ed i dubbi attorno alla valuta elettronica sono ancora molti. In tanti si chiedono perché dare fiducia ad un sistema creato tramite computer in cui il valore della moneta non è stabilito secondo i parametri della Fed.

Inoltre, i Bitcoins devono essere cambiati in valuta corrente dollaro, euro, pound se si vogliono acquistare beni. Una bolla di sapone, così è stato definito il nuovo sistema le cui fluttuazioni rendono la moneta instabile ed inaffidabile.

Marirosa Barbieri 19/05/2011 9.49



Articoli collegati:
- Bitcoin: info-grafica su questa nuova moneta

Condividi: FB OK Notizie Twitter Google Yahoo                        Altre Azioni: Printer Friendly Page Invia questa guida ad un amico


Altre guide
30/08/2017 0:18:19 - e-Sports videogiocatori professionisti e ben pagati
29/08/2017 17:51:35 - Short Comedy Sketch (off-topic)
13/02/2017 17:39:40 - Amazon Underground: app Android gratis per tutti (in modo legale)
6/01/2017 0:06:56 - Toonz il software di animazione diventato open source
2/01/2017 20:56:02 - Come tracciare i partecipanti ad una call Skype for Business/Lync
2/01/2016 16:36:34 - Da Yosemite a El Capitan (aggiornamento OSX)
2/01/2016 14:57:07 - Akinator: indovino QUALSIASI persona tu abbia in mente!
2/01/2016 0:11:46 - Problemi con l'app "App Store"? Basta ripulire la cache delle varie sezioni
2/01/2016 0:06:12 - L'albero genealogico GNU/Linux ed Android
28/12/2015 0:35:34 - Mettere in mute YouTube direttamente dalla scheda del browser

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.